El disertor
(Déserteur)

A nome mio de mi,
caro el me' presidente,
ve scrivo sto fojeto,
che spero lesarì.

'sta cartoìna qua
me dise tera tera
de 'ndar a far 'a guera
fra manco de do dì.

Ma mi non son qua,
caro el me' presidente,
pa' 'ndar copar a xente,
pì o manco come mi.

Mi no a go cu vu,
questo ve 'o asicuro,
ma go proprio deciso
che disertarò.

Go avuo solche casini
da quando che son nato,
e i fioi che go fato
i ga cria' co' mi.

Me mare e me pupà,
ormai i xé soto tera
e a lori de 'sta guera
no ghe ne fregherà.

Co' iero in prisonia,
chelcuni me ga roba'
me mojer e 'l me pasa'
a me mejor età.

Doman vegnaro su
e sararo 'sta porta
su 'a stagion morta
e me incaminarò.

Vivarò de 'e'mosina
sue strade dea Spagna,
dea Francia e dea Bretagna,
e a tuti ghe osarò

de no partir pì
e de no ubidir
pa' 'ndar a morir
par no so gnanca chi.

Par cui se ocorarà
par forsa tanto sangue
'ndì dargheo voaltri
se ve comodarà.

Disighe ai vostri amighi
se lori i vien sercarme
che i pol anca spararme
mi armi no' ghi n'ho.

Retour